Prenota
Offerta per 1 persone con partenza 25/02/2018 e ritorno 25/02/2018.

Giornata sulla neve a Roccaraso, ai nostri partecipanti proponiamo i seguenti "ingredienti” neve, sci, snowboard, slittini, intrattenimento per i più piccoli, rifugi ad alta quota e divertimento in compagnia.

Programma di viaggio:

Ritrovo dei partecipanti a Benevento di buon mattino, con partenze alternative su richiesta, arrivo a Roccaraso previsto per le 10.30 circa. Giornata sulla neve dedicata agli amanti degli sport invernali sulle numerose piste del comprensorio, o sempicemente per gli amanti del relax ad alta quota. Ma non mancano numerose attrazioni anche per i più piccoli, che potranno divertirsi all’interno del parco divertimento a bordo dei bob, slittini e perché no anche attività didattiche. Nel pomeriggio sarà possibile passeggiare nel caratteristico borgo di Roccaraso per assaggiare le specialità abruzzesi, giocare a palla di neve. Gli amanti del pattinaggio sul ghiaccio avranno la possibilità di  scatenarsi all'interno del Palaghiaccio di Roccaraso. (Tutte le attività pomeridiane sono da confermarsi all'atto della prenotazione)

Raduno di tutti i partecipanti e partenza per Benevento ore 17.00circa. Rientro nei punti convenuti in prima serata.  

ATTENZIONE: gli orari e l’itinerario indicati, potrebbero subire lievi modifiche per questioni organizzative.    

QUOTA INDIVIDUALE PER ADULTO 15 €

QUOTA INDIVIDUALE BAMBINO 3-12ANNI 8 €    

Quota comprende:  Viaggio in Bus GT dotato di tutti i comfort, andata e ritorno Accompagnatore dell’agenzia per tutta la giornata Assicurazione Medica    

Quota NON comprende:   Skipass, Scii, Snowboard Slittini, Ingresso ai parchi divertimento e/o  palaghiaccio:  Circa 15 € ognuno       

images.jpg
sci-roccaraso.jpg
56a1fa08c9f56b4ad67d42b3.jpg
94.jpg
canazei_235230.jpg
images (1).jpg
images.jpg
kinder-winter.jpg
MG_4686_Snapseed.jpg
neve_istanbul_turchia_13_getty.jpg
sci sciare neve-2.jpg
sci-roccaraso.jpg
images.jpg
56a1fa08c9f56b4ad67d42b3.jpg
canazei_235230.jpg
sci-roccaraso.jpg
paese.jpg

Roccaraso sorge intorno all’anno 1000 nei pressi del torrente Rasinus, da cui prende il nome di Rocca Rasini. Si sviluppa come borgo agricolo, pastorale e artigianale, consentendo alla sua popolazione una vita serena e prosperosa. Nel 1706 il terremoto della Majella danneggiò il borgo.

Mausoleo ai caduti della strage di Pietransieri dei nazisti (21 novembre 1943).

Verso la fine dell’ottocento, l’apertura del collegamento ferroviario con Napoli comincia a portare i primi turisti, attratti dalla bellezza dell’ambiente naturale, e soprattutto dalla possibilità di attivare un comprensorio sciistico da parte degli abitanti, accolti nei vari alberghi che in quell’epoca cominciavano a sorgere.

Una brusca battuta d’arresto si ebbe con la seconda guerra mondiale. Roccaraso si trovava proprio sulla direttrice della linea Gustav (1943), il sistema di fortificazioni con cui i tedeschi cercarono di fermare l’avanzata degli Alleati dopo lo sbarco a Salerno. Il paese venne completamente raso al suolo dai bombardamenti, che causarono tra l’altro la perdita del teatro costruito nel 1698. Uno dei più antichi d’Italia, e della chiesa madre assieme alle storiche case e alla torre civica, ultimo resto dell’antico castello. Inoltre nel borgo vicino di Pietransieri il 21 novembre del ’43 venne perpetrata una strage civile della popolazione intera da parte dei nazisti, dopo il mancato rispetto dell’ordine di abbandonare il paese per le operazioni belliche.

Roccaraso è tra le Città decorate al valor militare per la guerra di liberazione perché è stata insignita della Medaglia d’oro al valor militare per i sacrifici delle sue popolazioni (culminate nell’Eccidio di Pietransieri) e per la sua attività nella lotta partigiana durante la Seconda guerra mondiale.