Ryanair denuncia eDreams e Google per pubblicitĂ  ingannevole

Spesso noi agenti di viaggio ci troviamo in difficoltà e facciamo la figura di quelli cari a causa della pubblicità ingannevole di alcuni siti. Questa notizia,a prescindere dall'esito, ci rende in qualche modo un po' giustizia. Ricordate noi ci mettiamo la faccia nel nostro lavoro, non facciamo semplici spot e non vi diciamo mai un prezzo a step di rialzo...Buona lettura. 
 
 
 
La compagnia lamenta l'uso di domini ingannevoli da parte del portale di viaggi, con un sito-web fotocopia per ingannare i consumatori. Il motore di ricerca sarebbe reo di mancato intervento per risolvere la questione. Volano le carte bollate tra Ryanair e colossi del web come eDreams e Google. La compagnia aerea ha citato le altre due compagnie perché stanno ingannando i consumatori pubblicizzando tariffe, che Ryanair sottolinea essere inesistenti, tramite il sito eDreams e annunci di ricerca di Google. Lo annuncia la stessa compagnia aerea irlandese. "Google permette a eDreams di utilizzare i sottodomini ingannevoli "Ryanair Voli Economici" , questo è un sito web fotocopia con marchio Ryanair per ingannare i consumatori ed invogliarli a visitare il sito eDreams e prenotare con loro a tariffe gonfiate", afferma la compagnia guidata da Michael O'Leary, che sottolinea come da anni sia impegnata a combattere casi simili in Europa per salvaguardare i consumatori "da prezzi falsi e costi nascosti". Ryanair "non ha problemi con Google che vende spazi pubblicitari, ma l'ha ripetutamente invitata a far rispettare i criteri di trasparenza circa la pubblicità online, dopo numerose denunce da parte di clienti Ryanair che sono stati ingannati, comprando" biglietti "su eDreams ma credendo di prenotare sul sito diretto di Ryanair, spiega la società irlandese. "Dopo che Google si è rifiutata di mettere fine a questa pubblicità ingannevole, Ryanair non ha potuto far altro che adire alle vie legali eDreams e Google nell'Alta Corte Irlandese", aggiunge Ryanair.
 
Leggi gli altri articoli di ACCADE NEL MONDO
Fonte: Repubblica
articolo completo su: www.repubblica.it